fbpx

Lazio, un trionfo firmato Simone Inzaghi

Il trionfo della Lazio nel derby porta senza alcun dubbio la firma di Simone Inzaghi. L’allenatore dei biancocelesti ha preparato la sfida in maniera a dir poco perfetta. È stata la vittoria di un gruppo plasmato dal suo tecnico, puntando tutto sul cuore e sul cervello. Perché, come riportato dall’edizione odierna de ‘Il Messaggero’, per la tattica c’è stato poco tempo, vista la gara in Coppa Italia con il Milan. Quattro giorni in cui però Simone è stato un vero e proprio martello pneumatico.

APPORTO FONDAMENTALE – Come rivelato dal quotidiano romano, un ruolo fondamentale lo ha avuto Angelo Peruzzi. L’ex estremo difensore d’altronde di stracittadine ne ha giocate tante e ha saputo quali corde toccare con i giocatori. Quella grinta, quell’aggressività e quella combattività messa in campo fin dal primo minuto è stato frutto anche di tutto questo. Il tallone d’Achille della poca cattiveria nelle sfide che contano è sembrato soltanto un brutto e lontano ricordo.

TATTICA – La grande vittoria con la Roma ha dimostrato che non è una questione di modulo, ma di atteggiamento. Anche tatticamente però la Lazio è stata perfetta. Difesa, centrocampo e attacco si sono mossi in maniera univoca, applicando alla lettera quanto preparato nei giorni precedenti. Fondamentale il lavoro di Acerbi, che ha annullato Dzeko, e di Milinkovic, che ha vinto tutti i duelli aerei. La vittoria del gruppo. La vittoria del suo allenatore e del suo staff.

 

Gianpiero Farina

Sardo d'origine, romano d'adozione. Il giornalismo, soprattutto sportivo, e la Lazio le mie più grandi passioni. Cresciuto tra il mare e il mito di Juan Sebastian Veron, ho deciso di trasferirmi nella Capitale per provare a trasformare i miei sogni in realtà.

Gianpiero Farina ha 1812 articoli e più. Guarda tutti gli articoli di Gianpiero Farina