fbpx

Lazio, Diaconale e De Martino: “Abbiamo il dovere di difendere la nostra immagine”

La notte degli Oscar scatena una piccola polemica. Infatti, durante la trasmissione andata in onda su Sky e dedicata all’evento, l’attrice Micaela Andreozzi ha preso di mira la Lazio, chiamandola con il termine dispregiativo Lazie. I tifosi biancocelesti si sono fatti sentire sui social, chiedendo l’intervento della società.

DE MARTINO E DIACONALE – A dire la sua su questa questione è stato il direttore della comunicazione Stefano De Martino, intervenuto a ‘Lazio Style Channel’: “Invece di parlare della sfida contro il Milan, siamo costretti a discutere di altro, ossia di cose senza alcun peso specifico. Michela Andreozzi? Io non la conosco. Ho saputo che ha parlato in modo irriverente della Lazio, usando in modo dispregiativo il termine ‘Lazie’. A parte questa canzonatura, che viene dal nulla, mi infastidisce che venga da una piattaforma come Sky. Abbiamo preparato un intervento formale verso l’azienda“. Dello stesso tono le parole del portavoce della Lazio Arturo Diaconale, intervenuto anch’egli ai canali telematici: “Penso l’attrice si sia messa a scherzare in modo non adeguato su una faccenda di cui non conosce nulla. Quando la Lazio è nata nel 1900 a Piazza della Libertà non passavano le pecore, ma si parlava un romano aulico. Chi prende in giro in questo senso non conosce la storia. In più stiamo parlando di una società quotata in borsa e di una delle maggiori società europee e certi scherzi a volte possono apparire come un danno di immagine. Non è una minaccia, ma i responsabili di certe emittenti facciano attenzione a quello che si dice e ai modi in cui si dicono le cose. Nel mondo della comunicazione, ogni attentato all’immagine diventa un danno enorme che va difeso. Inoltre credo che sia un po’ irresponsabile, alla vigilia di un derby così importante, gettare i semi di una discordia che non fanno bene. Noi dobbiamo stare attenti a queste cose e creare un clima sereno e disteso“.

RAGGI – Diaconale ha parlato anche di una possibile visita della sindaca Raggi a Formello: “Ci sono state le proteste di alcuni tifosi per la partecipazione della Raggi all’inaugurazione di un nuovo centro della Roma. C’era anche Conte, che ha dichiarato di essere tifoso romanista. In realtà già prima di questo avvenimento era stata fissata una visita ufficiosa della sindaca Raggi a Formello giovedì per consegnare una maglia al suo bambino. Per non alimentare polemiche prima del derby, credo sia opportuno annullare questa visita in via ufficiosa e fissarne una ufficiale per la ristrutturazione del centro sportivo a Formello. Per par condicio credo sia giusto farlo. L’obiettivo è quello di superare le incomprensioni che ci possono essere state in questi giorni. L’invito sarà l’occasione per riproporre la realizzazione dello Stadio delle Aquile e per fare anche un’altra proposta: quella della realizzazione di un busto del fondatore, Luigi Bigiarelli in piazza della Libertà. Ci sono degli iter lunghi da rispettare al riguardo, ma abbiamo l’intenzione di farlo“.

 

Augusto Sciscione

Nato a ottobre del 1977 sotto il segno della bilancia. Laureato in Giurisprudenza esercita la professione di avvocato. Ama lo sport in generale, ma le sue grandi passioni sono la pallacanestro e la Lazio. La prima gara vissuta da spettatore allo Stadio Olimpico è stata Lazio-Taranto che terminò 3-1 e riporto la Lazio in Serie A. Ha vissuto gli anni d'oro della Lazio di Sven Goran Eriksson ed il giocatore a cui è rimasto più legato è il Cholo Simeone. Ama i cani ed al momento ne possiede uno di nome Gazza.

Augusto Sciscione ha 5275 articoli e più. Guarda tutti gli articoli di Augusto Sciscione