fbpx

Siviglia-Lazio, Inzaghi in conferenza: “Serviranno coraggio e personalità”. Badelj: “Dovremo essere lucidi”

Cercare l’impresa. Cercare la qualificazione agli ottavi di finale di Europa League. La Lazio si prepara a sfidare il Siviglia, con l’obiettivo di ribaltare lo 0-1 dell’andata. Il tecnico dei biancocelesti Simone Inzaghi, accompagnato da Badelj, ha analizzato il match nella conferenza stampa della vigilia: “Arriviamo a questa partita arrabbiati. Mi riferisco a quello che è successo a Genova. Non meritavamo di perdere. Abbiamo fatto un’ottima partita, ma le gare vanno chiuse. Ormai però tutto è alle spalle, anche se ci servirà da lezione. Siamo qui per fare una grande partita. Sono sicuro che ci giocheremo le nostre possiblità al 100%“.

DIFFERENZE CON L’ANDATA – “Penso che l’andata sia stata decisa da una ripartenza. Noi abbiamo avuto due occasioni per pareggiare già nel primo tempo. Sappiamo che dovremo fare due gol per passare. Serviranno coraggio e personalità“.

I CONVOCATI –Siamo in 19. Abbiamo aggregato Zitelli dalla Primavera. Parolo e Luis Alberto stamattina si sono voluti allenare con la squadra. Parolo è stato convocato. Milinkovic ha fatto tre allenamenti con la squadra. Vedrò se schierarlo dall’inizio. Comunque la formazione sarà decisa dopo il risveglio muscolare dopo domattina. Caicedo? Potrebbe partire titolare, con Immobile e Correa che potrebbero fare una staffetta. Ciro sta sempre meglio“.

INFORTUNI –Questa emergenza è stata valutata. Lo sforzo della partita con l’Inter va tenuto a mente, come le tre partite in sei giorni. A volte però dalle situazioni difficili possono venire fuori situazioni interessanti, come avvenuto domenica con il Genoa“.

ATTEGGIAMENTO –La partita sarà lunga. Sono certo che il Siviglia troverà una Lazio di personalità. Dovremo fare attenzione alle loro ripartenze. Abbiamo lavorato sotto questo aspetto. Conteranno soprattutto gli episodi. Dovremo essere bravi a farli girare a nostro favore. Solo così ricominceremo a vincere partite e a fare risultati”.

Prende parola Milan Badelj

MOTIVAZIONI E COESISTENZA – “Siamo molto motivati e pronti per questa sfida. Crediamo nel passaggio del turno. Conteranno molto approccio e lucidità. Le italiane non hanno quasi mai vinto a Siviglia? Queste statistiche sono fatte per essere battute e smentite. Leiva? Posso giocare con lui, ma il modulo che adottiamo porta a scegliere uno dei due. Per il resto sono decisioni del mister”.

AVVERSARIO –Abbiamo analizzato il Siviglia e come gioca. Sappiamo che non sono al massimo, ma non li sottovalutiamo. Conosciamo i loro punti deboli e dobbiamo puntare su quelli. Tatticamente sappiamo come poterli fare male“.

 

Gianpiero Farina

Sardo d'origine, romano d'adozione. Il giornalismo, soprattutto sportivo, e la Lazio le mie più grandi passioni. Cresciuto tra il mare e il mito di Juan Sebastian Veron, ho deciso di trasferirmi nella Capitale per provare a trasformare i miei sogni in realtà.

Gianpiero Farina ha 1812 articoli e più. Guarda tutti gli articoli di Gianpiero Farina