Inter-Napoli, morto il tifoso nerazzurro investito negli scontri

È morto Daniele Belardinelli, il tifoso interista investito da un van di tifosi napoletani durante gli scontri avvenuti ieri prima del fischio d’inizio di Inter-Napoli. Le condizioni dell’uomo di 35 anni, ricoverato d’urgenza all’ospedale San Carlo, erano apparse gravi fin dai primi minuti.

LE PRIME RICOSTRUZIONI – Secondo le prime ricostruzioni, la rissa sarebbe avvenuta in via Sant’Elena, nei pressi dello stadio, un’ora prima circa dell’avvio della partita. Si sarebbe trattato di un agguato degli ultras interisti a quelli napoletani. Il bilancio parla anche di quattro accoltellati. Il più grave, un 43enne, è stato ricoverato all’ospedale Sacco.

PUGNO DURO – Ha provato a fare chiarezza in conferenza il questore di Milano Marcello Cardona: “C’erano dei tifosi del Varese e del Nizza, venuti appositamente per gli scontri. Gli ultras del Napoli sono stati aggrediti con delle spranghe dei bastoni. Il van? Non sappiamo da chi era guidato. Stiamo verificando il colore. Sicuramente l’accusa sarà di omicidio stradale. In quel momento non transitavano soltanto tifosi, ma anche tanta gente comune“. Il questore inoltre ammette che chiederà il pugno duro: “Richiederò in via d’urgenza al dipartimento di sicurezza il divieto delle trasferte agli ultras dell’Inter fino alla fine del campionato. Chiederò anche la chiusura della curva dell’Inter fino al 31 marzo“.

Gianpiero Farina

Sardo d'origine, romano d'adozione. Il giornalismo, soprattutto sportivo, e la Lazio le mie più grandi passioni. Cresciuto tra il mare e il mito di Juan Sebastian Veron, ho deciso di trasferirmi nella Capitale per provare a trasformare i miei sogni in realtà.

    Gianpiero Farina ha 1812 articoli e più. Guarda tutti gli articoli di Gianpiero Farina

    Avatar