Cuore, polmoni e non solo, della Lazio stellare: oggi è il compleanno di Matias Almeyda

Soprannominato “El Pelado“, Matias Almeyda, dopo l’esperienza con il River Plate, la squadra che lo ha cresciuto calcisticamente, con il quale vince anche una Copa Libertadores, approda alla Lazio nell’estate del 1997, dopo una breve, ed infelice, stagione in Spagna, con il Siviglia (che retrocede).

Dopo un anno di transizione, la consacrazione per il centrocampista argentino arriva sostanzialmente nella seconda stagione biancoceleste, quella dell’incredibile testa a testa in campionato contro il Milan e della vittoria europea in Coppa delle Coppe. Matias diventa uno dei titolari inamovobili di quella Lazio stellare, capace di competere in Italia ed in Europa. Con la maglia biancoceleste addosso, il centrocampista ex River Plate, vincerà uno Scudetto, una Coppa delle Coppe, una Supercoppa UEFA, due Coppe Italia ed una Supercoppa italiana.

Nel 2000 verrà ceduto al Parma. E proprio in merito a questa esperienza con i gialloblù, è interessante sottolineare un passaggio piuttosto particolare pubblicato sulla sua recente autobiografia, “Almeyda, anima e vita“. Si doveva giocare la partita Roma-Parma, decisiva per l’assegnazione dello scudetto. E Matias racconta che “sul finire del campionato 2000-01, alcuni compagni del Parma ci hanno detto che i giocatori della Roma volevano che noi perdessimo la partita. Che siccome non giocavamo per nessun obiettivo, era uguale. Io ho detto di no. Sensini, lo stesso. La maggioranza ha risposto così. Ma in campo ho visto che alcuni non correvano come sempre. Allora ho chiesto la sostituzione e me ne sono andato in spogliatoio”.

Ora Matias allena il Chivas, formazione messicana. E oggi compie 45 anni. Dei quali tre di questi interamente dedicati ai colori biancoceleste. Con tutto l’ardore, la fame, la voglia, e la forza che lo hanno sempre contraddistinto. A lui vanno i migliori auguri di buon compleanno da parte della redazione di NoiBiancocelesti e di tutti i tifosi laziali, che non lo hanno mai dimenticato.

Daniele Caroleo

Giornalista pubblicista. Tifoso della Lazio. Mi piace lo sport (con una particolare predilezione per il calcio), scrivere e fotografare.

Daniele Caroleo ha 869 articoli e più. Guarda tutti gli articoli di Daniele Caroleo

Avatar