fbpx

Lazio: messaggi di cordoglio dal mondo dello sport per Felice Pulici

Tutto il mondo Lazio piange Felice Pulici, scomparso oggi a pochi giorni dal suo 73 compleanno. Da tutto l’ambiente biancoceleste, arrivano tanti messaggi di cordoglio per lo storico portiere dello scudetto del 1974. Di seguito alcuni messaggi da società e personaggi dello sport:

Dalla S.S. Lazio: “Il primo Scudetto per sempre tra le tue mani, il tuo ricordo per sempre nei nostri cuori
Ciao Felice.”

ll Presidente Ghirelli ha scritto a nome della Lega Pro una nota di cordoglio alla famiglia di Felice Pulici, scomparso oggi a 72 anni. «Ci tenevo a farvi arrivare un messaggio di vicinanza a nome della Lega Pro e mio personale nel ricordo di Felice, uomo di valori che ha scritto pagine importanti di calcio. Ricordo con affetto le sue gesta in campo, il suo amore per il pallone, il suo essere discreto e il suo impegno nel sociale. Oggi tutti perdiamo una guida come lo era Felice.

Cristian Daniel Ledesma, da Istagram: “Mi ha sempre colpito la passione con cui parlavi della nostra Lazio, ti brillavano gli occhi. Per me sei sempre stato un grande esempio, un punto di riferimento. Continuerai a risplendere lassù, gigante Felice.”

“Ho perso un fratello maggiore”, con queste parole Bruno Giordano ha commentato la morte di Pulici, lo storico portiere del primo scudetto della Lazio. “Sapevo che stava male, ma negli ultimi anni siamo stati molto a contatto, tra radio ed eventi. Organizzavamo  insieme cene con gli altri ex giocatori. In settimana ci eravamo anche sentiti, ora mi è crollato il mondo addosso. Non solo la Lazio, ma tutto il calcio Italiano, perde un grande uomo. Faceva tutto molta passione e con tanto amore“.

Pierluigi Pardo, telecronista per DAZN, ricorda commosso Felice Pulici: “Ho avuto la fortuna di conoscere Felice Pulici. Persona seria e ironica, di grande spessore e spiritualità. RIP”.

Riccardo Cucchi, storico radiocronista RAI, commenta cosi il ricordo di Pulici:  “Ho il cuore gonfio di dolore. Ho amato quella magnifica e folle squadra che ci regalò un sogno. Ho amato il portiere, ho stimato l’uomo. Conserverò ricordi indelebili di quel magico 1974. Tristezza infinita. Addio mio eroe dell’adolescenza”.

Lascia un commento

Share via
Copy link
Powered by Social Snap