fbpx

EXTRALAZIO – Indagati due medici per la morte di Astori. L’accusa è di omicidio colposo.

Alcuni indiscrezioni odierne hanno fatto trapelare che la Procura di Firenze, che sta seguendo le indagini in merito al decesso dell’ex capitano della Fiorentina, Davide Astori, avrebbe iscritto nel registro degli indagati, due medici di due strutture pubbliche di Firenze e Cagliari. I due si sarebbero occupati dell’idoneità sportiva del calciatore.

Davide Astori, trovato morto in una stanza di albergo ad Udine lo scorso 4 marzo, prima di approdare nella squadra viola, aveva militato anche nel Cagliari e nella Roma. I medici delle società sportive non risultano, al momento, essere coinvolti nell’inchiesta, mentre gli avvisi di garanzia per i due medici di cui sopra sarebbero stati inviati nei giorni scorsi.

La prima perizia di questa inchiesta, affidata dalla procura di Udine ai periti Carlo Moreschi e Giacomo Thiene, aveva stabilito le cause e la dinamica del decesso. Il fascicolo è stato poi trasferito a Firenze, dove è stato incaricato un nuovo consulente, il professore Domenico Corrado, affinchè potesse approfondire gli elementi a sua disposizione e stabilire se la patologia cardiaca che avrebbe causato il decesso di Astori poteva essere prevista e diagnosticata.

I risultati di questa nuova perizia hanno dunque spinto i due magistrati che si stanno occupando del caso, Giuseppe Creazzo e Antonio Nastasi, ad indagare i due medici delle strutture pubbliche, con l’accusa di omicidio colposo.

Daniele Caroleo

Giornalista pubblicista. Tifoso della Lazio. Mi piace lo sport (con una particolare predilezione per il calcio), scrivere e fotografare.

Daniele Caroleo ha 773 articoli e più. Guarda tutti gli articoli di Daniele Caroleo

Avatar

Lascia un commento