Esclusiva, Bergodi: “Riparto dalla Romania. In Italia non trovo nulla.”

 

di Franco Capodaglio

Per Cristiano Bergodi, amatissimo ex capitano della Lazio, il percorso da allenatore riparte di nuovo dalla Romania. Sperava di poter trovare una squadra in Italia in A o in B, ma nel nostro calcio lavorano sempre gli stessi. Allenatori pluri esonerati,che escono dalle porte e rientrano dalle finestre, perche’ supportati da grandi agenti oppure da amicizie altolocate. Dopo aver riflettuto molto su proposte avute negli anni scorsi per un ritorno nel campionato Romeno e respinte nella speranza di poter lavorare in Italia, ha capito che la sua grande voglia di fare calcio poteva essere soddisfatta solo nel paese balcanico, dove il tecnico di Bracciano ha sempre fatto bene conquistando una supercoppa di Romania e perdendo una finale della coppa nazionale ai supplementari, allenando la, allora, quarta squadra di Bucarest, quel National che oggi non esiste più e che aveva preso in zona retrocessione per chiudere al sesto posto ed in finale di coppa. Ieri è stato chiamato dal presidente Ioan Andone del Voluntari FC in sede: ” Ero convinto di incontrare il presidente per una chiacchierata ed invece abbiamo trovato subito l’accordo”. Sul perchè del ritorno nel campionato rumeno Cristiano aggiunge: ” In Italia non si trova nulla, ma spero che prima o poi possa tornare un’altra occasione per poter tornare. Ho tanta voglia di lavorare e poter far esprimere in campo, la mia veduta di calcio” Non sarà di certo una impresa facile, per Bergodi, salvare una squadra che si trova ultima e staccata in classifica: ” Sicuramente non sarà facile vista la posizione di classifica, però credo di potercela fare perchè il campionato è ancora lungo ed i regolamenti permettono alle squadre, per un particolare meccanismo, di dimezzare i punti di svantaggio in caso di play out” Ci sarà una lunga sosta invernale che permetterà al tecnico braccianese di poter lavorare sulla squadra e sperare in alcuni rinforzi:” Il presidente ha dato disponibilità per un intervento sul mercato. Potrebbero arrivare tre o quattro nuovi giocatori la dove vedrò la necessità di rafforzare la squadra” Augurando un grande in bocca al lupo a Cristiano, ne seguiremo il cammino tifando per lui ed un pronto ritorno in Italia.