fbpx

Inzaghi in conferenza stampa: “Con il Marsiglia mi lega uno dei ricordi più importanti della mia carriera. Ho ancora qualche dubbio sulla formazione. Non siamo venuti qua per pareggiare”

L’allenatore della Lazio, Simone Inzaghi, è intervenuto nella consueta conferenza stampa di prepartita in vista della sfida di Europa League contro l’Olympique Marsiglia di domani sera. Nella sala conferenze dello stadio di Marsiglia il tecnico biancoceleste, unitamente al difensore Francesco Acerbi, ha dunque risposto alle domande dei cronisti presenti.

Chi giocherà in porta tra Proto e Berisha? E quale dovrebbe essere la formazione che scenderà in campo?
“Ho ancora qualche dubbio per quanto riguarda la formazione per chi giocherà in porta. Domani mattina ci sarà la rifinutira ed il risveglio muscolare, e poi deciderò. Ho alcuni giocatori che sono rimasti a Roma. Siamo venuti con solo 16 giocatori di movimento e 3 portieri. A Roma sono rimasti Murgia, Luis Alberto, Correa e Basta. Quest’ultimi due squalificati. Gli altri sono tutti pronti per giocare”.

Perchè Luis Alberto è rimasto a Roma?
“Non si sentiva al 100%, e quindi non avrebbe potuto gicoare dall’inizio. Ho visto, invece, Rossi ben motivato e quindi ho preferito lasciare Luis Alberto a Roma ad allenarsi”

Essendo a Marsiglia non possiamo non ricordare quella partita di Champions League che ti ha visto protagonista con ben quattro gol proprio contro l’Olympique.
“Con il Marsiglia mi lega uno dei ricordi più importanti della mia carriera. Fare quattro gol in Champions in una partita per un attaccante italiano, nonostante abbiamo ci siano tanti giocatori fortissimi, è un record che mi tengo da allora. Spero che questo record sia fonte di ispirazione anche per i miei ragazzi. Dobbiamo fare una partita importante contro una squadra che ha fatto un mercato faraonico, non dimentichiamolo. Ci siamo preparati bene e dobbiamo fare punti per poter andare avanti. Nei sorteggi non siamo stati fortunati, lo abbiamo detto anche allora, ma queste sono sfide meravigliose, giocate in uno stadio bellissimo che vedrà la presenza di oltre 30mila spettatori, nonostante la squalifica delle due curve.”.

Hai pensato all’ipotesi di giocare con i quattro difensori, come la Lazio di Eriksson?
“Sono dell’idea che tutto è migliorabile, quindi si, si potrebbe anche giocare con i 4 difensori. Con questo modulo, però, negli ultimi due anni e mezzo la Lazio non ha giocato male. Domenica, secondo me, abbiamo fatto un’ottima partita. Veniamo da una vittoria importante, sopratutto per la classifica”.

Alla luce dell’attuale classifica del girone alla Lazio potrebbe andare bene anche un pareggio?
“Non siamo qui per pareggiare. Domani sera affronteremol a finalista della scorsa Europa League. Abbiamo tanto rispetto per loro, ma vogliamo giocarcela nel migliore dei modi. Vogliamo andare avanti meritatamente. L’anno scorso avremmo meritato di giocarela semifinale con il Marsiglia, ma ci è sfuggita all’ultimo. Siamo consapevoli che sarà una partita tosta. Per entrambe c’è una posta in palio importante. Il doppio confronto non sarà decisivo, perché la squadra cipriota ha personalità e sapevo che avrebbe impensierito anche le altre due squadre. Questo doppio confronto tra noi e i francesi, però, darà una bella reindirizzata al girone”

Garcia dice che per lui questa partita è un derby. Cosa ne pensi?
“E’ un allenatore molto preparato, se per lui è un derby per noi no, perché il nostro derby è con la Roma”.

La Lazio dovrà affrontare due sfide importanti nei prossimi giorni: Marsiglia e Inter.
“Vogliamo giocarcele nel migliore dei modi. Entrambe le squadre sono state costruite per vincere scudetti. Noi siamo ancora indietro, sulla carta. L’anno scorso siamo arrivati dietro l’Inter per lo scontro diretto. Ma ora siamo cresciuti tanto e vogliamo avvicinarci sempre di più. Con le nostre idee e con le nostre forze vogliamo fare bene, vogliamo giocarcela alla pari”.

Le condizioni di Berisha?
“Ha avuto un leggero affaticamento ad un polpaccio. Domenica è entrato con lo spirito giusto. Questa mattina ci siamo allenati e ho delle sensazioni positive. Devo, però, vedere domani cosa fare: se farlo partire dall’inizio o fargli fare solo una parte della partita. Poi deciderò se farlo giocare come mezzala o come seconda punta accanto ad Immobile o Caicedo”

Giocheranno insieme?
“Ho anche l’opzione di poter alzare Berisha al fianco di uno di questi due giocatori. Pppure potrò farli giocare insieme. Deciderò domani”.

Daniele Caroleo

Giornalista pubblicista. Tifoso della Lazio. Mi piace lo sport (con una particolare predilezione per il calcio), scrivere e fotografare.

Daniele Caroleo ha 710 articoli e più. Guarda tutti gli articoli di Daniele Caroleo

Avatar

Lascia un commento