Noi Biancocelesti » FOCUS » Mercato, tifosi alla finestra

Mercato, tifosi alla finestra

13 luglio 2015 by Andrea Ioncoli

esultanza-lazioIl mercato della Lazio stenta a decollare, tanti i rumors, tanti i sondaggi e le indiscrezioni, ma di trattative vere e proprie poco e niente. Dei vari Van Persie e Clasie non si parla nemmeno più, Geis è passato la scorsa settimana allo Shalke 04 e la pista che porta a Trémoulinas e Pato sembra, se non tramontata, almeno congelata. Passi avanti si sono fatti per Fabio Borini, che avendo l’ambizione di tornare da protagonista ad Euro 2016, vuole una squadra che gli garantisca un posto per giocarsi le sue chance; il giocatore classe 91 del Liverpool (ex Roma), non è seguito solo dalla Lazio! Su di lui c’è anche l’Inter, la quale, sempre più intenzionata a rilanciarsi dopo due stagioni veramente da dimenticare, risulta davvero scatenata in questa fase di mercato, dove è riuscita a mettere a segno colpi molto importanti. Sul fronte Milinkovic-Savic, fresco vincitore del mondiale under20 con la sua Serbia, la Lazio è in attesa. L’offerta, per questo classe 95 al Genk, è di 8mln; la società ne chiede 15, ma la sensazione è che a 10-11mln si possa anche chiudere l’affare, puntando sulla volontà del giocatore che vuole solo la Lazio.

TIFOSI – Per una Lazio che si appresta ad affrontare una stagione, dove ha bisogno di conferme e non di scommesse, soprattutto con alle porte un agosto ricco di impegni che condizionerà inevitabilmente la stagione, sembra davvero un mercato povero di progetti e idee. Preoccupazione percepita anche tra gli stessi tifosi, che hanno il timore che la società, stia prendendo tempo per avere la certezza dell’ingresso nella fase a gironi di Champions League, che da diritto ad un introito di 40mln; con un comunicato diramato nei giorni scorsi, hanno dichiarato che la curva non si abbonerà’, fino a che Lotito e Tare non lavoreranno al rinforzo della Lazio e consegnare a Mister Pioli, una squadra pronta ad affrontare un inizio di stagione già decisivo. Prematuro parlare di contestazione, ma di sicuro il patron laziale è sotto la lente d’ingrandimento da parte degli stessi sostenitori, che nelle varie radio locali e social network si aspettano decisamente di più da questa campagna acquisti; l’obiettivo dei tifosi è quello di mettere pressione alla società, come lo scorso anno, dove la contestazione, da Lazio-Sassuolo in poi, ha smosso la volontà di Lotito di rendere la Lazio competitiva per la riconquista dell’Europa. Il 31 Agosto si tireranno le somme di questo mercato, ma, visti gli impegni, potrebbe essere già troppo tardi.

RITIRO – La data del primo appuntamento ufficiale è vicina, l’otto agosto, a Shanghai, in palio c’è il primo trofeo della stagione, la Supercoppa Italiana contro la Juventus è da conquistare, per far in modo che l’entusiasmo della scorsa stagione abbia seguito nel gruppo, pronto per grandi palcoscenici. Ad Auronzo di Cadore, Pioli già non può più contare su giocatori del calibro di Ledesma e Mauri e con il solo Hoedt in più, il difensore olandese, ex Az Alkmaar, trattato a gennaio ma arrivato a parametro zero a giugno e con l’incognita Morrison, ma che ben ha figurato nella prima sgambata stagionale. Da segnalare anche l’assenza di Biglia, che da poco ha iniziato le ferie dopo la sconfitta in nazionale, in finale di Coppa America contro il Cile e comunque con un procuratore pronto a portare offerte di club che ricoprono il giocatore d’oro, su tutte il Real Madrid.

ZAVORRE – Si sta lavorando solo in uscita, oltre al capitano e al vice la Lazio si è liberata di contratti pesanti, come quello di Cana e Ciani, zavorre come Novaretti, Alfaro e Sculli, tutti soldi risparmiati, che sommati ai 12mln entrati nelle casse grazie alla conquista del terzo posto, formano un tesoretto che permettono almeno di comprare un top-player che rientri nei parametri della Lazio; se poi ci si libera anche di contratti come quelli di Konko ed Ederson è ancora meglio.

Andrea Ioncoli

Comments are closed.