19.5 C
Roma

Balotelli: “Rispettatemi, non sono un deficiente”

News

Mario Balotelli e la Nazionale: la storia infinita.

Mancini lo corteggia davanti ai microfoni ma non lo convoca in Nazionale. Lui non replica, continua a trascinare l’Olympique Marsiglia sperando in una telefonata che, fino ad ora, non è arrivata. Nel pomeriggio, però, è arrivato un lungo sfogo dell’attaccante su Instagram.

Prima una risposta piccata alle dichiarazioni di Sconcerti – in cui il giornalista domanda retoricamente perchè ci sia la necessità di continuare a parlare di Balotelli, quando in squadra ci sono Immobile, Quagliarella e Kean, su tutti – poi si lascia andare ad un lungo sfogo in cui lascia intendere di poter rifiutare la Nazionale, in caso di convocazione, perchè stanco di leggere ed ascoltare solo critiche rivolte non solo alla sfera calcistica ma anche a quella personale:

“Ci avete mai pensato che magari, non sarà mai… ma ci sarà bisogno anche di me un giorno ed io sarò pronto come lo sono stato negli ultimi 3 anni… ma sentendo alcuni di voi insultarmi, denigrarmi, sottovalutarmi negli anni possa anche essermi stancato emozionalmente e quindi rifiutare di andare? Non sono un robot, né un’epidemia, né un deficiente… tante volte non rispondo per evitare problemi e tensioni inutili ma sento e vedo tutto e accumulo e mi stufo anche io.”

Prosegue ancora l’attaccante, chiedendo rispetto: “Rispettatemi tanto quanto rispetto io l’Italia e già saremmo a buon punto… non pretendo di essere amato, coccolato o considerato un fenomeno… ma vi garantisco che potreste tirar fuori il meglio di me solo rispettandomi… perchè io non sto facendo nulla per non esserlo [rispettato ndr] e quindi ve lo chiedo gentilmente prima di esigerlo”

Chiara la critica di Super Mario ai giornalisti (forse un ulteriore riferimento a Sconcerti?)  che chiude lo sfogo incitando la Nazionale – impegnata contro il Liechtenstein questa sera –  e citando proprio il suo “rivale” Kean, augurandogli un successo che vada oltre il traguardo sportivo.

L’Italia, intanto, conduce il match per 4-0 con le reti di Sensi, Verratti e doppietta di Quagliarella su rigore. Una Nazionale che, con o senza Mario Balotelli, sembra aver trovato la strada giusta per cancellare la mancata qualificazione al Mondiali 2018.

Related posts

Torino, Moretti si ritira: “Quella con la Lazio sarà la mia ultima partita”

Lazio, senti Pancaro: “I biancocelesti stanno ottenendo risultati importanti”

Gianpiero Farina

Lazio, parla Canigiani: “Venerdì parte il tour della Coppa Italia”. E sul ritiro…

Leave a Comment