8.7 C
Roma

Romulo: “Quando mi ha chiamato il ds Igli Tare è stata una grande emozione”

Formello

Oggi nella Sala Stampa di Formello, il direttore sportivo Igli Tare ha  presentato alla stampa e alla tifoseria laziale, il nuovo acquisto biancoceleste Romulo.

Prende la parola il direttore sportivo Igli Tare: “Sappiamo tutti ciò che è successo a gennaio,  per l’acquisto di un esterno. Ma nell’ultimo giorno di mercato abbiamo concluso l’affare. Ad  inizio gennaio la necessità di un acquisto non c’era, la rosa era ampia. Marusic ha avuto delle problematiche dopo la gara con il Novara, anche Patric nelle ultime due settimane aveva avuto problemi all’adduttore, non sapevamo ancora che problema potesse avere. Abbiamo scelto un profilo esperto, che da subito potesse integrarsi e con caratteristiche utili alla Lazio.  Siamo sicuri che Romulo ci aiuterà molto, è un giocatore molto  determinato.”

Le risposte di Romulo ai cronisti:

Questa per te è una grande occasione?

“Si. Avevo già perso una grande occasione alla Juve per un problema fisico, perché ho dovuto fare degli  interventi chirurgici. Ho perso la Nazionale nel mio momento migliore. Volevo una rivincita in una grande squadra per mostrare il mio valore. Sono contento, darò tutto me stesso per raggiungere gli obiettivi della  squadra e quelli  personali.”

Cosa hai pensato quando ti hanno detto che c’era la possibilità di venire a giocare con la Lazio, a Roma?

“E’ stata una grande emozione, è una squadra forte, ho perso una grande possibilità nella vita per infortuni. Volevo venire a tutti i costi, un club molto pesante, ho parlato col direttore, mi ha convinto lui ma non c’era bisogno. Ero emozionato, per me è una rivincita nella vita e nella carriera per tutto ciò che ho vissuto.”

La squadra  come ti ha accolto?

“Conoscevo i ragazzi brasiliani e portoghesi, avevo giocato in Nazionale con Parolo e Immobile. I ragazzi sono fantastici, mi hanno accolto bene, mi sento a casa, e sono pronto a dare il massimo.”

Che idea ti sei fatto per la lotta alla Champions? 

Ci sono tante squadre lì, anche per questo il ds mi ha chiamato per dare tante possibilità al mister. Ci sono tante partite, gli infortuni, le squalifiche, servono tante risorse e calciatori per dare alternative al mister. Sono felice di essere qui e di dare il mio contributo.”

 Su Piatek e Immobile?

“Piatek è un calciatore fantastico, me ne sono accorto subito in estate, alla prima amichevole ha fatto 5 gol. Immobile è forte in area di rigore, ed è un grande giocatore sia  dentro che  fuori l’area, mentre  Piatek è pericoloso solo negli ultimi 16 metri, ma e comunque  un  giocatore di grandissimo livello”

Hai affrontato la Lazio molte volte, cosa pensavi da avversario?

“Tutte le volte che ho affrontato la Lazio ho perso. E anche in modo difficile.  Con il mio procuratore pensiamo che la Lazio giochi il calcio migliore d’Italia. C’è un mix di esperienza e gioventù, la Lazio punterà in alto. Ero contento al momento della chiamata, nel contesto generale è quella più forte. La Juve  fa un’altra corsa, ma la Lazio ha dominato, purtroppo perdendo. Una grandissima prestazione, gioca veramente bene.”

Puoi giocare anche in altri ruoli tipo da centrale e da esterno?

Sono venuto per giocare sulla fascia, ma tutti sanno che il mister può contare su di me per giocare anche in mezzo. Sono nato come interno, però sono pronto a giocare in più ruoli.”

Ti hanno già parlato del derby di Roma? 

“Da quando sono arrivato in Italia il derby di Roma è sicuramente quello più sentito. Non vedo l’ora di giocarlo e vincerlo. Quando c’è Lazio-Roma è sempre sentita, ne parlano 24 ore su 24, e non vedo l’ora di giocare il derby di Roma.”

Related posts

Lazio , concessi due giorni di riposo aspettando il rientro dei nazionali

Antonella Amoroso

Lazio, l’amichevole con la Primavera termina 7-1: Parolo ne fa tre

Formello: Seduta mattutina per gli uomini di Inzaghi

Leave a Comment