20.4 C
Roma

Dal Flamengo alla Lazio, la storia di Luan Capanni, osservato speciale dal Brasile

Primavera

E’ arrivato all’inizio di questa stagione, proveniente dal Flamengo, e si è messo subito in mostra con le sue doti tecniche davvero molto elevate. Luan Capanni, classe 2000, è un trequartista offensivo di incredibile qualità, che può essere impiegato senza alcun problema sia come seconda punta e sia come esterno d’attacco. Cresciuto calcisticamente nelle giovanili del Corinthians, il Flamengo avrebbe voluto rinnovargli il contratto, ma lui ha preferito venire a giocare in Italia, grazie al forte interessamento della Lazio.

Questa mattina, su alcuni siti di informazione sportiva brasiliana, Luan Capanni viene celebrato come uno dei giovani più interessanti in prospettiva futura, venendo descritto come uno dei talenti più luminosi della formazione della primavera biancoceleste, grazie anche ai suoi cinque gol e quattro assist realizzati nelle dieci partite giocate.

Ha iniziato a tirare calci al pallone ad appena nove anni, nel Corinthians, per poi passare per l’appunto al Flamengo, vincendo numerosi titoli e riconoscimenti vari. Quando ha deciso di lasciare il Brasile per approdare alla corte di Formello in molti, in patria, hanno storto la bocca, perchè avrebbero preferito tenerlo qualche altro anno in più, viste le sue indubbie qualità.

Luan Capanni è, inoltre, un ragazzo umile e con la testa sulle spalle: basti pensare, ad esempio, che una volta conclusa l’operazione che gli ha permesso di indossare la maglia della Lazio, si è precipatato a Roma con alcune settimane di anticipo per imparare la lingua italiana.  Sono contento dei miei risultati in campo. – ha avuto modo di raccontare lo stesso Capanni recentemente – Sono sempre coinvolto nelle azioni offensive e mi piace anche aiutare i miei compagni di squadra con gli assist. Devo molto all’allenatore Bonacina perché mi ha posizionato bene e mi ha dato la fiducia e la libertà di creare e di propormi in fase offensiva”.

Tare lo seguiva da tempo, e alla fine è riuscito ad assicurarselo, battendo anche la concorrenza di altri club europei. E lui sta ripagando questa fiducia con prestazioni davvero eccellenti e con una propensione al lavoro degna dei migliori professionisti.
Mentre in Brasile, intanto, continuano a rimpiangerlo.

Related posts

Primavera, Scaffidi: “Abbiamo commesso troppi errori”

Primavera, Bonacina: “Ci è mancato il carattere”

Primavera, Lazio stoppata dal Frosinone: il primo posto si allontana

Leave a Comment