31.3 C
Roma

De Laurentiis attacca il Frosinone dalle colonne del New York Times

News

Il presidente del Napoli, Aurelio De Laurentiis, dalle colonne del “New York Times”, ha attaccato pesantemente il Frosinone. Nel corso di un’intervista, rilasciata alla celebre testata statunitense, infatti, il patron del Napoli avrebbe affermato: “Che ci fa il Frosinone in Serie A? Non attira spettatori, né interessi, né emittenti nel campionato. Arriva in A, non cerca di competere e torna indietro. Se non possono competere, se finiscono ultimi, dovrebbero pagare una multa e non dovrebbero ricevere denaro”.

La replica del presidente del Frosinone, Stirpe, l non si è fatta di certo attendere: “Mi sembrano dichiarazioni di una persona che ha la sindrome di Napoleone. Nella vita serve rispetto e io non ne vedo. Lo sport deve insegnare il rispetto per gli avversari. Queste dichiarazioni si commentano da sole e le rispedisco al mittente. Arrivano parole da parte di persone che non hanno vinto niente e mi sembra anche velleitario. Abbiamo il progetto di crescere in modo sano e attraverso i nostri mezzi. Noi mettiamo i soldi nel calcio e non li prendiamo, siamo stati capaci di realizzare uno stadio mentre altri che hanno risorse ben più importanti delle nostre non hanno regalato alla città un’infrastruttura del genere. Le uniche modifiche che il calcio italiano deve fare sono quelle che devono prendere come punto di riferimento il calcio inglese, tedesco o francese. Non come capita in Italia dove i ricchi diventano sempre più ricchi e i poveri sempre più poveri”.

Una dichiarazione, quella di De Laurentiis, che per altro ricorda molto le affermazioni pronunciate da Claudio Lotito nel 2015 e per le quali lo stesso presidente della Lazio è stato attaccato duramente. In quel periodo, infatti, nel corso di una registrazione telefonica, tra Lotito e Pino Iodice, direttore generale dell’Ischia Isolaverde, il presidente della Lazio, parlando di diritti televisivi, aveva avuto modo di affermare: “…fra tre anni se c’abbiamo Latina, Frosinone, chi c… li compra i diritti? Non sanno manco che esiste, Frosinone. Il Carpi… E questi non se lo pongono il problema!…”.

All’epoca la levata di scudi nei confronti del presidente della Lazio era stata più o meno unanime. Malagò, Tavecchio. Addirittura Di Francesco e Baldissoni erano intervenuti a gamba tesa nella polemica pur di screditare e attaccare Lotito per le sue dichiarazioni.

Ora attendiamo di scoprire se anche le dichiarazioni di De Laurentiis scateneranno tutta quella serie di polemiche e di indignazione che ci furono invece all’epoca della telefonata di Claudio Lotito.

Related posts

Europeo Under 19, Italia ko con la Spagna. Armini: “Fiero di noi”

Ritiro Lazio: è arrivato Lotito, summit di mercato in vista?

andrea solazzi

Lazio: si è spento Giambattista Moschino

Micaela Monterosso

Leave a Comment