20.9 C
Roma

Calcio&Sicurezza: Salvini incontra rappresentanti di Lega, Figc e della Questura

News

Il Vicepremier Matteo Salvini ha convocato alcuni rappresentanti della Lega e della FIGC, presso la scuola superiore di Polizia, a Roma. I temi affrontanti sono il razzismo e la violenza nel calcio dentro e fuori lo Stadio, sopratutto dopo i terribili fatti che sono accaduti prima della gara tra Inter-Napoli, che hanno portato alla morte di un tifoso. Presenti il sottosegretario alla presidenza del Consiglio con delega allo Sport Giancarlo Giorgetti, il capo di Gabinetto del Viminale Matteo Piantedosi, il capo della polizia Franco Gabrielli e i vertici del Coni e del calcio italiano. I temi trattati richiedono un intervento normativo e sanzionatorio urgente.

Al termine dell’incontro Il Ministro dell’Interno Matteo Salvini ha tenuto una conferenza stampa davanti ai cronisti presenti: “Questa è una legge che è vecchia di trent’anni. Non si devono confondere i tifosi con i delinquenti, perché chi va allo stadio con la roncola e il machete è un delinquente. Useremo ogni mezzo necessario per allontanare queste persone dagli stadi. Si deve e si può ripartire dal calcio, questo sport deve essere un’opportunità per molti ragazzi delle province. Sono per coinvolgere i tifosi, con la certezza che chi sbaglia paga. Sia fuori che dentro lo stadio. L’errore da non commettere è quello di mettere tutti sullo stesso piano. Servono delle strutture con camere di sicurezza per fermare subito chi si macchia di alcuni reati. Rimango favorevole alle trasferte collettive, non alle punizioni collettive come la sospensione della partita. Una trasferta vietata, una partita sospesa o uno stadio squalificato è una sconfitta. per quanto riguarda Genoa-Milan, i rapporti tra le squadre non sono più sereni come un tempo. Preferirei che la gara si giocasse alla luce del sole per un discorso di sicurezza e per fare in modo che le famiglie, con i lori bambini, possano andare tranquillamente al Ferraris. Il calcio è spettacolo, ma anche garanzia e sicurezza. Infine prende la parola Giorgetti, Sottosegretario di Stato alla Presidenza del Consiglio dei ministri, i tesserati delle squadre, sia prima che dopo la partita, devono mantenere i toni bassi”.

Related posts

Roberto Luciani… Uno di Noi!

Giovanni Lando Fioroni

Lazzari, parla il dottor Melli: “Ha subito un trauma distorsivo”

Berisha: “Oggi un test importante. Io mi sento bene”

Leave a Comment