7.6 C
Roma

ESCLUSIVA, Petkovic: “La Lazio? Mi manca tantissimo. Soprattutto i suoi tifosi”

Esclusiva

A Dublino, quest’oggi, è stata la giornata dei gironi di qualificazione per Euro2020. Al Convention Center della capitale della Repubblica d’Irlanda, era presente anche Stefano Ghezzi, inviato di “NoiBiancocelesti“, che, a margine del sorteggio, ha avuto modo di porre un paio di domande all’ex allenatore della Lazio, Vladimir Petkovic.

Il tecnico che guidò la formazione biancoceleste alla storica conquista della Coppa Italia del 2013, nella finale contro la Roma, è attualmente il Commissario Tecnico della Svizzera, ed era quindi presente in rappresentanza della nazionale elvetica, per assistere al sorteggio. Per la cronaca la squadra Svizzera, in qualità di testa di serie, è stata abbinata alla Danimarca, alla Repubblica d’Irlanda, alla Georgia e a Gibilterra, nel girone D.

Al termine del sorteggio, l’allenatore si è poi messo a disposizione dei cronisti presenti per rispondere ad alcune domande. Ed il nostro Stefano ha inteso scambiare due battute veloci sulla sua esperienza nella Lazio.

Mister quanto le manca l’Italia, grazie alla sua esperienza alla Lazio?

“Mi manca tantissimo soprattutto mi manca la Lazio e i suoi tifosi. Ho solo ricordi positivi.”

La maggioranza dei tifosi la ricorda per la sua eleganza, cosa vorrebbe dire loro?

“Li ringrazio sono sempre nel mio cuore.”

Due chiacchere fugaci, ma certamente significative. Che evidenziano il bellissimo legame tra l’allenatore nato a Sarajevo, ma naturalizzato svizzero, e l’ambiente biancoceleste.

Alla Lazio lo legano ricordi bellissimi. E anche i tifosi laziali, ovviamente, lo ricordano con immenso affetto.

(Foto di Stefano Ghezzi)

Related posts

ESCLUSIVA, Lorenzo Minotti: “Il ritiro non è punitivo. La società dovrebbe tutelare l’allenatore”

Il 5G entra nel calcio. Maurizio Martucci: “Non è una tecnologia sicura, salute in pericolo!”

Daniele Caroleo

Il ricordo di Gabriele Sandri, storia di un figlio, cittadino italiano, raccontata dal papà Giorgio

Pierluigi Marconi

Leave a Comment